Home
Il Casagrande è Scuola associata UNESCO PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 24 Febbraio 2018 07:51

Logo Scuole associate UNESCOUn’ importante riconoscimento è stato assegnato all’ISISS “M. Casagrande”: da quest’anno scolastico è stato accettato nella Rete delle Scuole Associate all’UNESCO (UNESCO Associated Schools Network-ASPnet). Questa Rete riunisce istituzioni educative da tutto il mondo per un obiettivo comune: costruire le difese della pace nella mente degli studenti e dei giovani. Ad oggi sono circa 10.000 le scuole associate in oltre 180 Paesi e lavorano a sostegno della comprensione internazionale, della pace, del dialogo interculturale, dello sviluppo sostenibile e dell’educazione di qualità.

La Rete delle Scuole Associate UNESCO, vien riconosciuta come efficace strumento per raggiungere l’obiettivo 4.7 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile: “Garantire entro il 2030 che tutti i discenti acquisiscano la conoscenza e le competenze necessarie a promuovere lo sviluppo sostenibile, anche tramite un educazione volta ad uno sviluppo e uno stile di vita sostenibile, ai diritti umani, alla parità di genere, alla promozione di una cultura pacifica e non violenta, alla cittadinanza globale e alla valorizzazione delle diversità culturali e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile”.

La Rete utilizza tre approcci complementari:

  • Creare: come un laboratorio di idee, la Rete sviluppa, verifica e dissemina materiale educativo innovativo e promuove nuovi approcci di insegnamento e di apprendimento basati sui valori e sulle priorità dell’UNESCO
  • Insegnare e apprendere: costruire capacità, insegnamenti innovativi e apprendimento partecipativo in specifiche aree tematiche consente ai dirigenti scolastici, agli insegnanti, agli studenti e a tutta la comunità scolastica di integrare i valori dell’UNESCO e divenire modello per la comunità
  • Interagire: la Rete dà l’opportunità di scambiare esperienze, conoscenze e buone pratiche con scuole, individui, comunità, decisori politici e società intera.

La Rete opera a livello nazionale ed internazionale, coordinata da un ufficio dell’UNESCO e da coordinatori nazionali.

L’associazione alla Rete, aperta alle scuole di tutti gli ordini e gradi, sia statali che paritarie, si basa sull’impegno a promuovere le idee ed i valori dell’UNESCO rafforzando la dimensione umanistica, etica, culturale ed internazionale dell’educazione.

Le scuole associate sono i promotori chiave dei valori dell’UNESCO e della prospettiva internazionale nelle scuole ed offrono il loro contributo allo sviluppo di contenuti educativi innovativi, all’introduzione di nuovi metodi di insegnamento e di apprendimento, all’interazione e collaborazione con le altre scuole associate e con diversi portatori di interessi. Esse intraprendono progetti multidisciplinari relativi alla pace e ai diritti umani, allo sviluppo sostenibile, alla cittadinanza globale e all’apprendimento interculturale.

La strategia della Rete per il periodo 2014-2021 è "La Rete Mondiale delle Scuole affronta le sfide mondiali”, con l’obiettivo di rendere gli studenti capaci di affrontate le sfide presenti e future in modo costruttivo e creativo, per creare società sostenibili e resilienti i cui i cittadini prendano decisioni informate e compiano azioni responsabili. A tale scopo le scuole dovranno integrare la sostenibilità, locale e mondiale, nei curriculum, sostenendo l’insegnamento interattivo che rafforza il pensiero critico e produce il cambiamento nei comportamenti.

L'UNESCO ha pubblicato un manuale per aiutare gli insegnanti ad affrontare in modo adeguato la tematica dello sviluppo sostenibile: “Education for Sustainable Development Goals-Learning Objectives”, pensato come una guida per i professionisti dell’educazione sull’uso degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 nei processi di apprendimento.

Il manuale fa leva su tre competenze fondamentali, conoscenza, convergenza (empatia) e comportamento (azioni concrete), allo scopo di fornire ai docenti gli strumenti per costruire nuove capacità, nuovi valori e nuovi comportamenti, necessari per mutare i nostri stili di vita e trasformare i nostri modi di pensare e agire. A tale fine identifica obiettivi indicativi, suggerisce argomenti e attività di apprendimento per ognuno degli OSS, presenta metodi di realizzazione a vari livelli, dalla strutturazione di un corso alle strategie nazionali. Si tratta di una guida estremamente duttile in cui gli educatori possono selezionare i suggerimenti e adattarli in base ai contesti di apprendimento concreti.

La CNIU e il suo Comitato Nazionale per l’Educazione alla Sostenibilità-CNES, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), il Centro per l’UNESCO di Torino e l’Università degli Studi di Torino hanno provveduto alla realizzazione della versione in lingua italiana del manuale, “Educazione agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Obiettivi di apprendimento”, per renderne più agevole e pratico l'utilizzo da parte degli insegnanti italiani.

In Italia il sistema delle Scuole Associate è regolato da una apposita Circolare, emanata all’inizio di ogni anno scolastico dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca–MIUR in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

Gli Istituti ammessi alla Rete dovranno integrare le proprie attività curricolari con programmi e progetti educativi a vocazione internazionale, orientati sulle principali tematiche UNESCO. Tali attività potranno essere incluse anche nei percorsi di alternanza scuola-lavoro, e/o e nei progetti PON 2014-2020.

Tra le tematiche di riferimento rientrano:

  • la realizzazione dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile
  • la tutela dei Diritti Umani e della diversità culturale;
  • la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale e linguistico, materiale ed immateriale;
  • l'educazione al turismo culturale;
  • l'educazione interculturale;
  • lo sviluppo e la promozione dell'educazione alla Pace e alla Cittadinanza.

L’idea dell’Istituto è che un patrimonio artistico, storico, paesaggistico e naturalistico come quello del Quartier del Piave rappresenti un valido strumento per la diffusione di questi universali. E gli studenti del Casagrande si impegneranno come ambasciatori nel mondo delle ricchezze culturali del territorio nel quale vivono

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Marzo 2018 11:11
 
Joomla templates by a4joomla