Occhio per occhio, il mondo diventa cieco. Guerra, Pace, Educazione alla non violenza Stampa
Scritto da Administrator   
Venerdì 20 Maggio 2022 10:07
Occhio per occhioAd oggi, dopo due anni di pandemia da Covid-19, la situazione nel mondo non è affatto migliorata. A causa dello scoppio della guerra in Ucraina nuove preoccupazioni si sono diffuse, non solamente nei paesi colpiti, ma in tutto lo scenario europeo e addirittura mondiale. Chi di noi, all’inizio di quest’anno 2022, si sarebbe potuto immaginare una situazione così tragica?
L’opinione pubblica è davvero divisa, specie sui social: la polarizzazione delle posizioni è spesso estrema, con schieramenti da un lato pro Governo russo e dall’altro pro Ucraina. Il confronto scade molte volte in una contrapposizione che assomiglia al tifo negli stadi.
Da parte sua il mondo del pacifismo fatica a farsi sentire e il disorientamento delle persone è pari alla preoccupazione per il futuro. Guerra nucleare, crisi energetica ed economica sembrano scenari più che plausibili Allora si tratta di darsi del tempo per riflettere e per ricominciare a pensare a partire da un punto di vista spesso trascurato ma irrinunciabile: quello pedagogico.
È stato lo psicopedagogista Daniele Novara, fondatore del Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti (CPP) di Piacenza, uno dei massimi esperti italiani di queste tematiche, che attraverso un’intervista condotta dagli studenti della 5A del Liceo delle Scienze umane del nostro Istituto ha affrontato il tema della guerra, della pace e del conflitto nella prospettiva in cui esso possa essere trasformato in risorsa positiva.
L’evento, organizzato in collaborazione con le Acli di Treviso, si è svolto martedì 24 maggio 2022 alle ore 20:30 presso l’Auditorium “Battistella - Moccia” in Piazza Vittorio Emanuele II, 9 a Pieve di Soligo.
Nel corso della serata gli studenti della classe 3A del Liceo delle Scienze umane del nostro Istituto hanno presentato la nuova voce di Wikipedia da loro elaborata “L’obbedienza non è più una virtù”, ricordando don Lorenzo Milani e il suo impegno per la pace e la non violenza.​
La serata è stata arricchita da alcuni interventi musicali a cura dell’istituto “Arnaldo Benvenuti” di Conegliano.
Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Maggio 2022 12:26